adotta a distanza

Regali solidali

dona ora

Le nuove tecnologie tra bambini e adolescenti


Ragazzi al telefonoChat, post, tweet, mail. Le relazioni quotidiane si snodano attraverso mondi virtuali e schermi digitali diventati ormai strumenti indispensabili nella vita quotidiana di adulti e bambini. Nuove forme di comunicazione che cambiano il modo di relazionarsi con gli altri e con il mondo che ci circonda e che vedono sempre più protagonisti bambini e adolescenti.
Secondo un indagine Istat su “Infanzia e vita quotidiana”, le nuove tecnologie hanno cambiato il modo di relazionarsi e di trascorrere il tempo di bambini e ragazzi (Istat, 2011). Basti pensare che in poco più di dieci anni l’uso del cellulare nei minori dagli 11 ai 17 anni è quasi raddoppiato, passando in poco più di dieci anni (dal 2000 al 2011) dal 55,6% al 92,7%, trasformandosi da semplice strumento per telefonare e inviare messaggi ad un vero e proprio passatempo quotidiano attraverso il quale chattare, giocare, ascoltare musica, leggere e vedere video, restando sempre connessi.
Internet infatti svolge un ruolo di primo piano tra i minori, dai dati pubblicati emerge come nel 2011 il 64,3% dei bambini e ragazzi dai 6 ai 17 anni utilizza internet quotidianamente (nel 2001 la percentuale era del 34,3%) e la percentuale sale all’82,7% se si considera la fascia di età che va dagli 11 ai 17 anni, praticamente un aumento percentuale del 35,7% nell’arco di dieci anni (Istat, 2011).
Adolescenti sempre più tecnologici, che difficilmente riescono a separarsi dal loro telefono, nel quale viene raccontato ogni momento della loro vita. E lo stesso si può dire per i più piccoli che riescono ad adattarsi con rapidità alle nuove trasformazioni tecnologiche. Dopo i cosiddetti “nativi digitali”, si parla adesso di “mobile born,” ovvero bambini che sin dalla più tenera età sanno utilizzare un dispositivo mobile, bambini che sanno accendere un pc, scattare una fotografia e inviare un messaggio. Bambini sempre più connessi.
Proprio per questo è importante diffondere e promuovere, in particolare tra i minori, un’educazione ad un uso responsabile e attento del web e un controllo costante da parte dei genitori e degli adulti. Internet e le nuove tecnologie sono diventati strumenti indispensabile nella vita di tutti i giorni di giovani e adulti, coinvolgono ogni aspetto della quotidianità, dal lavoro allo studio, dalle relazioni personali fino al tempo libero, trasformando abitudini, tempi e spazi di condivisione. Ma non per tutti. C’è ancora un grande divario digitale che coinvolge, oltre agli adulti, anche tanti ragazzi. Secondo un’elaborazione dei dati Istat sono oltre 450mila gli adolescenti in Italia che non hanno mai  usato Internet,  ragazzi  dagli 11 ai 17 anni che vivono in famiglie con condizioni economiche difficili, in particolare nel Sud Italia e nelle Isole. Ragazzi che non hanno una connessione internet ne dispositivi mobili, ragazzi che non hanno le stesse opportunità educative e culturali di tanti loro coetanei, con il rischio di essere ancora più emarginati.
Per contrastare la povertà minorile in Italia Più Vita onlus ha creato nel 2014 Completa il Futuro, un progetto di solidarietà per aiutare i bambini che vivono in condizioni di difficoltà, allo scopo di sostenerli in tutte le necessità quotidiane di cui hanno bisogno. Un sostegno che avviene attraverso un contributo economico fornito alle strutture che in Italia si prendono cura di loro: case famiglia, case di accoglienza, scuole. Un progetto di solidarietà per accompagnarli nella loro crescita aiutandoli a costruire un futuro pieno di serenità e speranza. Per saperne di più >> http://www.piuvitaonlus.org/cosa-facciamo/educazione-e-formazione/completa-il-futuro.html 

bomboniere dx

Newsletter

Per offrirti il miglior servizio possibile Più Vita Onlus utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Leggi l'informativa