adotta a distanza

Regali solidali

dona ora

Programma di nutrizione in Repubblica Dominicana

Repubblica-Programma-NutrizioneI dati che giungono dalla Repubblica Dominicana sono allarmanti: 1 bambino su 15 muore prima dei 5 anni, 7.000 le piccole vittime innocenti ogni anno. Una delle principali cause è la malnutrizione.

I bambini che muoiono di malnutrizione non sono quelli che muoiono di fame ma quelli che hanno poco da mangiare e soprattutto seguono una dieta priva di degli elementi nutritivi necessari per condurre una vita sana dal punto di vista della salute e dello sviluppo cognitivo. Spesso ci troviamo in contesti di estrema povertà dove le diete dei bambini sono carenti di proteine, grassi, vitamine e cosi il sistema immunitario dei più piccoli si indebolisce, causando malattie e, a volte, la morte prematura.

Il recente "Rapporto sulle conseguenze ambientali dello spreco di prodotti alimentari" presentato dalla FAO, rende evidente che a livello globale si spreca ogni anno una quantità di cibo (senza tener conto di pesce e crostacei) pari a 750 miliardi di dollari. Per dare un'idea della portata del danno, basta immaginare di prendere i Pil di Turchia e Svizzera, chiuderli in un enorme sacchetto nero e buttarli nella spazzatura.

A Santo Domingo invece, migliaia di bambini non riescono a mangiare nemmeno un pezzo di pane al giorno e il loro futuro viene compromesso e il loro presente è a rischio.
Proprio per questo Più Vita ha deciso di mettere in atto un programma di nutrizione cercando di far fronte alle varie esigenze della popolazione dai più piccoli ai più grandi.

Garantiamo a tutti i bimbi beneficiari dei nostri progetti due pasti al giorno, all'interno delle nostre strutture. E' un programma mirato a sconfiggere la malnutrizione, garantendo un'adeguata e corretta dieta alimentare che si riflette in maniera positiva anche sul buon rendimento scolastico e sullo stato di salute.

Per offrirti il miglior servizio possibile Più Vita Onlus utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Leggi l'informativa